BANDO TEMATICO (CALL FOR PAPER) N.15 – COORDINAMENTO: ENZO COLOMBO E PAOLA REBUGHINI, DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI E POLITICHE, UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MILANO

2019/2, N.12

A cura della Redazione

E’ disponibile sul sito della prestigiosa rivista Sciences & Actions Sociales il bando per la presentazione di proposte di contributo sotto il coordinamento dei Proff. Enzo Colombo e Paola Rebughini, Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche dell’Università degli studi di Milano.

Tema di approfondimento. DANZARE DA SOLI: I GIOVANI TRA INDIVIDUALIZZAZIONE, INDIVIDUALISMO, SINGOLARITA’, AUTOIMPRENDITORIALITA’ E NUOVE FORME DI SOCIETA’

Il contesto. I giovani nati alla fine del 21° secolo si sono trovati nel bel mezzo di due crisi globali negli anni della loro formazione e del loro ingresso nel mondo del lavoro: la crisi economica iniziata intorno al 2008 e mai veramente finita, e la crisi. -economica causata dalla pandemia di Covid-19. Di conseguenza la “condizione della crisi” – come evento storicamente ripetuto ma ogni volta singolare nelle sue caratteristiche (Mannheim, 1952) – con la sua specifica configurazione di disuguaglianze e incertezze, è diventata per questa generazione una condizione permanente e quasi invisibile, una condizione spesso accettate e acquisite in anticipo nella loro esperienza quotidiana. Questo contesto di individualizzazione è anche profondamente intrecciato con fenomeni storici e strutturali come la globalizzazione e la società del rischio, vale a dire l’iperconnessione degli eventi e le loro conseguenze sistemiche. Questo contesto ha anche favorito nella gioventù contemporanea la trasformazione delle idee di presente e futuro, appartenenza e cittadinanza, individuo e comunità, azione collettiva e partecipazione politica (Colombo, Rebughini, 2019).
Per questo si può parlare di una nuova esperienza generazionale, dove ognuno deve imparare a “danzare da solo” di fronte alla sensazione di non potersi affidare a modelli, concettualizzazioni, linguaggi, riferimenti e certezze della generazione dei propri genitori e nonni ad affrontare l’esperienza quotidiana dell’individualizzazione con sempre maggiore incertezza. Metaforicamente, i passi di danza da apprendere sono sempre nuovi di fronte all’accelerazione del cambiamento tecnologico, ambientale e sociale, con le loro conseguenze in termini di relazioni interpersonali, percorsi educativi e professionali.

Il crollo dei riferimenti collettivi caratteristici della modernità – come le appartenenze di classe e culturali, i ruoli sociali legati al genere, le aspettative standardizzate del futuro – che la cultura della società industriale aveva costruito e che la società postindustriale aveva contestato e smantellato non sono stati sostituiti da nuovi riferimenti altrettanto forti (Dubet, 2019). Ciò ha determinato una certa pressione verso l’istituzionalizzazione dell’individualizzazione (Beck, Beck-Gernsheim, 2001), nonché verso soggettivazioni autoreferenziali, singolarità mutuamente dipendenti, processi di individualizzazione orientati alla massimizzazione delle incertezze ma anche alla ricerca di relazioni sociali capaci di riconoscere specificità individuale (Martuccelli, 2010).

La generazione nata tra i due secoli vive in mezzo a tensioni contrapposte. Da un lato, l’aumento della differenziazione sociale e la perdita dei riferimenti condivisi condanna gli individui al risentimento, al “piacere immediato”, quindi alla ricerca di soddisfazioni narcisistiche ed effimere (Sennett, 1976; Lasch, 1979; Lipovetsky, 1983, 1992; de Singly, 2005; Benasayag, Schmit, 2003). Questo provoca spesso il sentimento di impotenza sulla possibilità di avere un ruolo concreto nelle scelte più importanti della propria vita, mentre la scelta sembra quasi sconfinata in altri ambiti come la comunicazione digitale o il consumo. Questa presentazione produce scetticismo sul futuro, spesso percepito come minaccioso da una generazione duramente colpita dalla crisi economica, ambientale e poi, con il Covid-19, anche sanitario. Tuttavia, dall’altro lato, il richiamo all’autonomia e all’autodeterminazione (Beck, 2016; Bauman, 2001) spinge verso una sorta di “auto-imprenditorialità”, o auto-imprenditorialità, in costruzione permanente e costantemente incompleta. . È un processo di soggettivazione che spesso produce forme di autoregolazione e sottomissione, sotto la guida di un obbligo di efficienza, disponibilità, assertività, creatività e autonomia individuale di fronte a situazioni di incertezza (Bröckling, 2016). Orientata dai principi culturali del neoliberismo, la ricerca della costruzione dell’autoimprenditorialità non sembra lasciare a questa generazione nessuna reale libertà di scelta,

I possibili temi di analisi. A titolo orientativo, si segnalano i seguenti:

a) Come nella vita quotidiana dei giovani contemporanei – in diversi contesti culturali, sociali e geografici – si articolano le dimensioni di: individualizzazione (con la sua portata di incertezza, rischio, fatica nella realizzazione di un progetto di vita adulto); la privatizzazione dei rischi legati a questo stesso modello di individualizzazione, dove la precarietà e le incertezze sistemiche sono viste come un problema privato e personale; l’ingiunzione all’empowerment di fronte a una tavolozza – spesso puramente virtuale – di possibili scelte e diverse possibili direzioni per il futuro; infine, l’accelerazione di questi processi con la necessità di adattarsi molto rapidamente al cambiamento (Rosa, 2010; Melucci, 1996). Questo può essere esplorato, tra l’altro, nella vita di tutti i giorni, nel rapporto con il lavoro,

b) Come, in questo contesto di crisi, instabilità e individualizzazione, sviluppare nuove forme di socializzazione, socialità, individualismo unito (Berking, 1999), collegate alla vita degli altri, dando origine a nuove esperienze di resistenza, solidarietà, cooperazione, supervisione , messa in comune e partecipazione politica (consumi, ambiente, uguaglianza sociale, rispetto delle differenze, ecc.).

c) Esplorare gli strumenti analitici che ci consentono di inquadrare i processi di individualizzazione di questa generazione; quali sono, ad esempio, i significati ei limiti di nozioni tipicamente moderne come individuo, autonomia, emancipazione, riconoscimento nell’analisi della vita quotidiana di questa generazione di giovani.

d) Come la collocazione sociale, l’intersezione di condizioni legate al genere, all’etnia, alle risorse economiche ed educative, alla situazione familiare e abitativa e più in generale ai contesti influiscono sulla percezione dell’incertezza e sulle tattiche per affrontare le situazioni di crisi.

e) Come l’esperienza dell’individualizzazione e dell’isolamento viene interiorizzata, espressa, spiegata nei suoi significati, o contrastata attraverso nuove forme di inquadramento istituzionale, locale, ma anche autogestito, come microforme di resistenza, pratiche dialogiche e comunicazione.

Bibliografia. A titolo orientativo, si segnalano i seguenti riferimenti:

Bauman Z. (2001), La società individualizzata , Cambridge, Polity Press.

Beck U., Beck-Gernsheim E. (2001), Individualizzazione: individualismo istituzionalizzato e sue conseguenze sociali e politiche , Londra, ed. Saggio.

Beck U. (2016), La metamorfosi del mondo , Cambridge, Polity Press.

Benasayag M., Schmit G. (2003), Les passions tristes. Sofferenza psichica e crisi sociale , Parigi, ed. da La Découverte.

Berking H. (1999), Sociology of Giving , Londra, ed. Saggio.

Bröckling U. (2016), L’imprenditoriale Auto: Realizzazione di un nuovo tipo di Su bject , Londra, ed. Saggio.

Colombo E., Rebughini P. (a cura di) (2019), I giovani e la politica del presente. Affrontare complessità e ambivalenza , Londra, ed. Routledge.

di Singly F. (2005), L’ individualismo è umanesimo , La Tour d’Aigues, ed. dell’Aurora.

Dubet F. (2019), Le temps des passions tristes , Paris, ed. della Soglia.

Lasch C. (1979), La cultura del narcisismo , New York, ed. Ammonitore.

Lipovetsky G. (1983), L’ère du vide , Parigi, ed. Gallimard.

Lipovetsky G. (1992,) Il crepuscolo del dovere , Parigi, ed. Gallimard.

Mannheim K. (1952), “Il problema delle generazioni” in Kecskemet P. (a cura di), Saggi sulla sociologia della conoscenza: opere raccolte, volume 5, New York, ed. Routledge. P. 276-322.

Martuccelli D. (2010), La société singulariste , Parigi, ed. Armand Colin.

Melucci A. (1996), Il gioco di sé. Persona e significato nella società planetaria , Cambridge, Cambridge University Press.

Rosa H. (2007), Alienazione e accelerazione: verso una teoria critica della temporalità tardo-moderna , Malmö, NSU Press.

Sennett R. (1982), La caduta dell’uomo pubblico , Cambridge, Cambridge University Press.

Procedure per la valutazione delle proposte di contributo. In relazione alla linea editoriale della rivista ( vedi presentazione della rivista ), i testi proposti devono essere originali e non essere già stati oggetto di pubblicazione su riviste. Tuttavia, a condizione che richieda il previo consenso della rivista Sciences & Actions Sociales, l’autore di un articolo sulla rivista SAS può pubblicare il suo articolo in un libro o in atti di convegno a condizione di citare la fonte della prima pubblicazione, vale a dire la rivista Sciences & Actions Sociales .

Le proposte di contributo devono rispettare le raccomandazioni per gli autori presentate nella sezione: ” Invia un articolo “. Tali proposte devono essere inviate via e-mail in formato .doc o .rtf al seguente indirizzo: redaction@sas-revue.org entro e non oltre il 31 marzo 2022. Viene quindi inviato un avviso di ricevimento. I testi sono sottoposti a valutazione anonima da parte di tre lettori nominati ai comitati editoriali e scientifici della rivista. Sulla base delle loro valutazioni, dopo una discussione dell’articolo all’interno della redazione, viene presa una decisione collettiva: accettato così com’è, accettato con modifiche minori, accettato con riserva di modifiche importanti, rifiutato.

Calendario della ‘Call for paper’. Le proposte di articoli devono essere inviate a redaction@sas-revue.org entro e non oltre il 31 marzo 2022. Il feedback agli autori è previsto per il 30 aprile 2022, per la pubblicazione nel numero di maggio 2022.

SCIENCES & ACTIONS SOCIALES – INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE DI CONTRIBUTO

Lascia un commento